Conto energia Energia solare Energia eolica Servizi Finanziamenti Assicurazioni Contatti
 
 

Incentivi per aziende

Il "conto energia" incentiva l'energia prodotta da impianti di piccole, medie e grandi dimensioni connessi alla rete, in altri termini idonei sia per le piccole utenze domestiche che per le grandi aziende.

La soluzione è installare sul tetto o a terra un impianto fotovoltaico ed usufruire degli incentivi provenienti dal meccanismo di incentivazione pubblica "in conto energia". Attraverso di esso l'energia elettrica prodotta dall'impianto viene remunerata per venti anni dal Gestore dei Servizi Elettrici (GSE Spa).

la fase di valutazione di fattibilità;
la presentazione della domanda al GSE Spa
la realizzazione dell'impianto.

Un impianto fotovoltaico è costituito da un insieme di apparecchiature che consentono di trasformare direttamente l'energia solare in energia elettrica.

Gli impianti per la produzione di energia elettrica mediante tecnologia fotovoltaica presentano diversi vantaggi, tra i quali i più significativi sono:

assenza di qualsiasi tipo di emissioni inquinanti;
risparmio dei combustibili fossili;
estrema affidabilità poiché non esistono parti in movimento (vita utile superiore a 25 anni);
costi di manutenzione ridotti al minimo;
modularità del sistema (per aumentare la taglia basta aumentare il numero dei moduli).
Una prima classificazione delle tipologie di impianti fotovoltaici può essere la seguente:

impianti autonomi funzionanti in isola (stand-alone);
impianti collegati in parallelo alla rete elettrica pubblica (grid connected);

Questi ultimi generalmente non dispongono di dispositivi di accumulo di energia (batterie) e in caso di black-out non possono garantire l'elettricità all'utente proprietario dell'impianto.

E' importante sapere che l'incentivo statale in conto energia può essere richiesto solamente per impianti connessi alla rete.

Una ulteriore classificazione può essere fatta in base alla potenza degli impianti:

impianti di potenza non superiore a 200 kWp;
impianti con potenza superiore a 200 kWp.
La prima tipologia raccoglie un insieme di impianti particolarmente indicati per installazione su immobili di privati cittadini, di attività commerciali e di piccole aziende; una realizzazione simile comporta limitati oneri amministrativi e gestionali ed ha il vantaggio di poter usufruire del servizio di "Scambio di energia alla pari" (Net-Metering) erogato e gestito dal GSE Spa.

Le funzioni dei dispositivi mostrati sono le seguenti:
i moduli fotovoltaici, elemento essenziale dell'impianto, captano la radiazione solare durante il giorno e la trasformano in energia elettrica in corrente continua;
l' inverter, trasforma l'energia elettrica da corrente continua a corrente alternata rendendola idonea alle esigenze delle comuni apparecchiature elettriche (lampade, elettrodomestici, alimentatori, computer...);
misuratori di energia, sono dispositivi che servono a controllare e contabilizzare la quantità di energia elettrica prodotta e scambiata con la rete.

Un impianto fotovoltaico deve essere installato con le superfici dei pannelli esposte a sud. Installazioni con esposizione verso sud-est o sud-ovest sono ammesse, prevedendo che, una volta in esercizio, l'impianto abbia una leggera perdita di produttività rispetto alla soluzione con esposizione ottimale.

Per quanto riguarda l'inclinazione dei pannelli, l'inclinazione di 30 gradi rispetto al piano è quella che in Italia permette di avere la massima produzione annua di energia. In questo caso l'incidenza di una differente inclinazione sulla potenzialità produttiva dell'impianto è minore, ad esempio se contenuta tra +/- 10 gradi può essere trascurata.

Tra le varie soluzioni che il Cliente può scegliere per installare un impianto fotovoltaico, la scelta dell'integrazione architettonica nell'edificio deputato ad accogliere l'impianto permette di ottenere un aumento dell'incentivo statale in conto energia, oltre ad un gradevole effetto estetico.
Il proprietario di un impianto fotovoltaico al quale sia stato concesso l' incentivo in conto energia ha la possibilità di recuperare il capitale speso per la realizzazione dell' impianto durante gli anni di funzionamento dello stesso.

In particolare il beneficio economico per un impianto con potenza inferiore ai 200 kWp connesso alla rete con il servizio di "Scambio sul posto" è costituito da due componenti:

l' incentivo statale erogato per venti anni dal GSE, in base a tutta l' energia prodotta dall' impianto;
il risparmio sulla bolletta elettrica, in base alla quota di energia prodotta dall' impianto che riesca a coprire l' energia consumata dalle proprie utenze (secondo quanto previsto dal Servizio di Scambio sul Posto).

Per avere maggiori dettagli sulle tariffe del conto energia clicca qui.

Queste caratteristiche rendono particolarmente interessante la scelta di coprire il capitale necessario alla realizzazione di un impianto fotovoltaico con un finanziamento bancario. In questo caso gli esborsi relativi le rate di restituzione del finanziamento possono essere coperti dai ricavi percepiti mediante l' incentivo in conto energia e i risparmi sui consumi di energia elettrica.
Finanziamenti per la realizzazione di impianti fotovoltaici

Grazie a degli accordi con alcune banche, Enel.si mette a disposizione dei propri Clienti una serie di prodotti finanziari esclusivi. Di seguito sono elencati gli istituti con i quali Enel.si ha sviluppato delle convenzioni ad hoc per il finanziamento di impianti fotovoltaici:

Gruppo Monte Dei Paschi di Siena
Banca Popolare di Sondrio
IRFIS - Medio Credito della Sicilia (Gruppo Capitalia)
Prestitempo - Deutsche Bank
Le condizioni sono particolarmente vantaggiose e pensate per gli impianti fotovoltaici incentivati dal Conto Energia.

Fotovoltaico per aziende - installazioni
Vediamo di seguito quali sono le installazioni tipo di impianti fotovoltaici per le aziende (industriali, commerciali ed agricole).
Nel caso di capannoni industriali e aziende agricole i moduli o pannelli solari fotovoltaici possono essere installati sfruttando opportunamente gli spazi disponibili (tetto piano, inclinato, terreno). In caso di copertura piana o inclinata è importante in fase preliminare controllare il buono stato della copertura con particolare attenzione alla struttura portante e alle condizioni dello strato impermeabilizzante. Di seguito vediamo alcune delle installazioni più comuni.

Fotovoltaico su tetto inclinato
E’ possibile installare i pannelli fotovoltaici su coperture inclinate e tetti a falda utilizzando in modo ottimale la superficie disponibile per produrre energia elettrica dal sole. 
L’inclinazione ottimale del piano su cui posizionare i moduli fotovoltaici è 30° in tutta Italia. 
Nella foto riportata di seguito vediamo l’esempio di un’azienda agricola, in cui la falda a sud è stata quasi interamente ricoperta da impianto fotovoltaico da 49,59 kWp

Fotovoltaico su terreno
Nel caso delle aziende (prime fra tutte le aziende agricole) sono spesso disponibili dei terreni inutilizzati che possono essere sfruttati per produrre energia elettrica dal sole. In questo caso, trattandosi di superfici piane si possono posizionare i moduli fotovoltaici su una struttura apposita con inclinazione ottimale a 30° e con orientamento a sud. L’unica avvertenza da seguire in caso di installazione su terreno riguarda l’eventuale presenza di fonti di ombreggiamento attuali o future (casette per gli attrezzi, alberi, pali della luce) che possono ridurre la produttività del sistema a causa del cosiddetto “effetto palo”. Anche un’ombra parziale al sistema fotovoltaico può comprometterne infatti il corretto funzionamento.

Fotovoltaico su tetto piano
I pannelli solari fotovoltaici possono essere posizionati su coperture o tetti piani. Per copertura piana si intende un tetto con inclinazione massima dell'1% (circa 0,5°) rispetto al piano orizzontale. 
Si tratta normalmente di coperture realizzate in calcestruzzo armato ricoperte con guaine impermeabilizzanti (non lamiere grecate o ondulate). Anche nel caso del tetto piano, i pannelli solari fotovoltaici possono essere posati in modo ottimale

N.B. In caso di installazione su tetto piano è però importante fare attenzione a balaustre o parapetti che possono proiettare delle ombre sui moduli e distanziare opportunamente le file di moduli per evitare che si ombreggino tra di loro. 

Conto Energia e tipi di integrazione
Il Conto Energia DM 19.02.2007 prevede tariffe incentivanti per il fotovoltaico che variano in funzione del tipo di integrazione dell’impianto nell’edificio. Scopri nella sezione Conto Energia cosa si intende per impianto non integrato, parzialmente o totalmente integrato.


Omniplus energia fotovoltaica: conto energia 2012






 Change website

© 2009 Omniplus energia fotovoltaica. All Rights Reserved. Created by www.omnilink.it